Motilità intestinale: 12 rimedi naturali per una corretta digestione

motilita-intestinale

Il processo digestivo non sarebbe completo senza una corretta motilità intestinale, senza la quale si possono avere problemi come gonfiore di stomaco e costipazione.

Influenzati sia dalle abitudini dietetiche del soggetto che dalle sue condizioni psicologiche, tanto un rallentamento quanto un aumento della motilità intestinale possono essere causa di disturbi più o meno fastidiosi, come diarrea e stitichezza, pertanto adottare comportamenti che favoriscano il giusto funzionamento dell’intestino è fondamentale per un benessere completo.

Se pensi di avere problemi di tale natura, in quest’articolo potrai trovare diversi rimedi naturali per la motilità intestinale.



Motilità intestinale: quali sono i migliori rimedi naturali

Una dieta ricca di fibre è sicuramente il primo rimedio utile per favorire la motilità intestinale. Mediamente, un uomo adulto necessita di 38 grammi di fibre al giorno, mentre per le donne il fabbisogno medio è di 25 grammi. Accanto al consumo di fibre, bere molta acqua e ridurre il consumo di zuccheri e grassi saranno comportamenti utili per una buona motilità intestinale.

Ma scopriamo più in dettaglio i più efficaci rimedi per il benessere del nostro intestino.

motilità intestinale-Lassativo naturaleAl di là dei singoli alimenti e piante in grado di favorire un buon funzionamento dell’intestino, da assumere quotidianamente e di cui parleremo nel prosieguo dell’articolo, esistono prodotti che sfruttano le proprietà sinergiche di diverse erbe per intervenire soprattutto nei casi di disturbi più marcati.

Il Lassativo Naturale di Anastore, a base di Senna e Anice Verde, per esempio, è un integratore utilissimo per i casi di stitichezza e per recuperare la regolarità intestinale utilizzando rimedi completamente naturali.

Guarda l’offerta per Lassativo Naturale a base di Senna e Anice Verde direttamente su Anastore

Cibi ed erbe per il benessere dell’intestino: ecco 11 rimedi naturali

Ma quali sono i cibi e le erbe più efficaci per il trattamento della motilità intestinale?

1) Frutta

Essendo ricca di fibre, la frutta in generale è ottima per migliorare l’attività intestinale. Lamponi e fragole, per esempio, sono molto efficaci nel favorire l’apparato digerente. Basti pensare che una tazza di lamponi contiene 8 grammi di fibre, poco meno invece le fragole.

Altri frutti molto ricchi di fibre sono pesche, uva passa, albicocche, banane, mele e pere.

Consumare uno smoothie a base di frutti ricchi di fibre è sicuramente il miglior modo per iniziare la giornata.



2) Verdura

Cavoli, carciofi, broccoli, asparagi, cavolfiori, carote, radicchio, sono solo alcune delle verdure ad alto contenuto di fibre, il cui consumo aiuta a regolare la motilità intestinale. Mangiare quotidianamente più razioni di verdura è essenziale per il benessere del nostro apparato digerente.

3) Fagioli

I fagioli sono un’ottima fonte di fibre e sono di grande aiuto nel favorire la motilità intestinale. Una porzione di fagioli neri o di fagioli di Lima può contenere dai 13 ai 15 grammi di fibre. I piatti a base di fagioli, inoltre, pur essendo degli ottimi sostituti della carne per il loro contenuto in proteine, possono aiutare a perdere peso, poiché poveri di grassi, e sono un’ottima fonte di importanti nutrienti come magnesio, potassio, ferro e vitamina B.

4) Lenticchie

Anche le lenticchie, come i fagioli, non dovrebbero mai mancare all’interno di una dieta sana ed equilibrata. Con un contenuto di 15 grammi di fibre per una tazza di lenticchie, questi gustosi legumi si rivelano dei preziosi alleati anche per l’intestino.

5) Cereali

Cereali come il riso integrale, la crusca e la farina d’avena sono ricchi di fibre e possono favorire la motilità intestinale. Anche i prodotti a base di farine intere come pasta e pane presentano un buon contenuto di fibre, ma molti di questi sono meno digeribili e possono essere causa di gas intestinali. Per questo motivo si consiglia di evitare un consumo eccessivo e di preferire sempre i cereali integrali.

6) Semi e frutta secca

Anche la frutta secca e i semi presentano un ottimo contenuto di fibre e sono, pertanto, indicati per migliorare l’attività intestinale. Tra questi possiamo sicuramente citare mandorle e noci pecan, nonché i semi di girasole, da non far mai mancare in cucina per il nostro benessere.

7) Acqua

Bere la giusta quantità giornaliera di acqua è uno dei primi rimedi contro i disturbi intestinali. Questa infatti è di aiuto nello scomporre i cibi e favorirne la corretta digestione, oltre a prevenire la disidratazione, con tutti i disturbi che possono conseguire.

8) Senna

La Senna è uno dei rimedi fitoterapici più conosciuti contro la stitichezza. Essa è infatti nota per le sue proprietà lassative e antielmintiche (elimina i vermi). Le foglie di senna sono ricche di derivati idrossiantracenici, i sennosidi, molecole dall’effetto lassativo che stimolano la motilità intestinale, favorendo il trattamento della stitichezza occasionale.

9) Anice Verde

L’Anice Verde è un altro rimedio fitoterapico per i disturbi intestinali, essendogli attribuite proprietà spasmolitiche e inibenti i processi di fermentazione intestinale. Grazie alle sue proprietà gastroprotettive, inoltre, l’anice verde allevia i sintomi della dispepsia funzionale (mal di stomaco, pesantezza, gonfiore, acidità), migliorando la digestione e riducendo il tempo di transito intestinale.

10) Agar Agar

L’Agar Agar è un polisaccaride che viene estratto da alcune specie di alghe marine e successivamente essiccato. Data la sua caratteristica di trattenere acqua fino a 200 volte il suo peso, l’Agar Agar è usato in fitoterapia come anti-fame e per trattare stipsi e atonia intestinale. Essendo immune dai succhi gastrici, l’Agar Agar passa direttamente nell’intestino, dove è in grado di far aumentare il volume delle feci e di ammorbidirle, favorendo anche la peristalsi intestinale.

11) Ispagula

L’Ispagula (o Psillio) è una pianta i cui semi vengono utilizzati per la produzione di mucillagini. I semi di questa pianta presentano, infatti, un rivestimento mucillaginoso che, a contatto con l’acqua bollente, si espande ed è in grado di assorbire acqua fino a 25 volte il suo peso. Questi semi e i loro derivati vengono solitamente utilizzati in fitoterapia per la regolarizzazione intestinale e per ridurre l’assorbimento di zuccheri e colesterolo.

12) Coriandolo

Conosciuta come pianta aromatica e medicinale sin dai tempi degli Egizi, il Coriandolo è una spezia che agisce soprattutto a livello dello stomaco e dell’intestino. Essa, infatti, stimola la corretta digestione, favorisce l’espulsione dei gas intestinali e calma i dolori addominali. Il coriandolo è un ottimo rimedio anche in caso di colite, diarrea, spasmi gastrici e sindrome del colon irritabile.



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*