Pietre curative, l’antico potere della cristalloterapia

pietre-curative

La cristalloterapia è una forma di medicina vibrazionale che affonda le sue radici nei millenni, in epoche e culture diverse, e che prevede l’applicazione di cristalli o pietre curative per facilitare la guarigione di numerosi disturbi. Se ti incuriosisce saperne di più su come funzionano le pietre curative e come la cristalloterapia può agire sul nostro corpo, in quest’articolo troverai numerose informazioni interessanti.



Cos’è la Cristalloterapia e come agiscono le pietre curative?

cristalloterapiaLe pietre preziose offrono proprietà spirituali e curative che possono essere sfruttate in vari modi. I cristalli possono essere trasportati o indossati sulla persona o collocati in un luogo dove le loro vibrazioni curative possono essere percepite da chi è vicino.

I guaritori inoltre possono posizionare le pietre sui corpi distesi dei loro clienti anche per equilibrare i chakra e l’aura.

Ogni tipo di pietra ha delle proprietà uniche. I colori, le forme e i disegni della pietra preziosa hanno tutti significati particolari. Si possono addirittura fare degli elisir di cristalli mettendo in ammollo dei cristalli per poche ore in un bicchiere d’acqua. Le pietre curative vengono usate per scopi di divinazione e meditazione ed è possibile scegliere in modo intuitivo i cristalli da utilizzare notando da quali pietre si è attratti. Occorre solo mantenere il tuo cuore e le mani aperte e permettere ai cristalli curativi giusti di trovare la strada verso di te.

Pietre curative stagionali

Possiamo osservare che alcune pietre sono più adatte ad una stagione specifica. Il topazio giallo e il quarzo citrino sono dei buoni esempi: questi due cristalli curativi infatti sono energizzanti meravigliosi, trasportano le energie del sole e sono indicati per combattere i pensieri depressivi che si manifestano durante i periodi più cupi.

Chi soffre di SAD (disturbo affettivo stagionale) può, ad esempio, indossare una di queste “gemme luminose” nei giorni scuri e non c’è da meravigliarsi che sia il topazio giallo che il quarzo citrino rappresentino i nativi del mese di novembre. Queste pietre possono considerarsi “troppo calde” da portare nei mesi estivi, ma per quel periodo esistono pietre più fredde, come le perle e i coralli, che risultano più idonee.

Lo smeraldo e il turchese sono perfetti per la primavera, zaffiri e opali in autunno.

Le pietre curative conservano i ricordi

Le pietre sono antiche e sagge e, in generale, sono ottimi custodi di memoria. Alcune pietre riescono meglio ad assorbire e trattenere informazioni rispetto ad altre. Per esempio, le pietre rosse (rubini, corniole, granati, ecc.) sono particolarmente utili per conservare le informazioni. Melody, l’autore di Love is in the Earth identifica i cristalli “custodi dei ricordi” come quelli che presentano uno o più triangoli sollevati situati sulla faccia del cristallo. Gli studenti possono tenere con sé una pietra custode di memoria mentre frequentano le lezioni: la pietra non solo prenderà appunti ma vi aiuterà a mantenere la concentrazione. Non bisognerà poi dimenticare di portare il custode di memoria in tasca nei giorni di esame.

Regalare gemme preziose, un’usanza dai mille significati

Le pietre preziose sono da sempre oggetti belli e importanti da dare o ricevere come regalo. Esse sono delle vere e proprie guaritrici naturali, per questo regalare a qualcuno un cristallo equivale ad offrire una guarigione. Ci sono centinaia di diversi tipi di pietre da scegliere.

Alcune persone ritengono che i cristalli non dovrebbero mai essere acquistati per uso personale, ma credono che debbano essere accettati solo come doni direttamente dalla terra o dati da un’altra persona. Questa credenza nasce dall’idea che cristalli e pietre curative preziose entrano nella nostra vita nei momenti appropriati quando abbiamo bisogno dei loro doni di guarigione. Tuttavia, donare a se stessi un cristallo è comunque una forma di auto-guarigione e se si è in un negozio e si sente una vibrazione verso un particolare cristallo o pietra preziosa, allora quello è probabilmente un segno.

Acquista le Pietre dei 7 Chakra direttamente su Amazon 

Quali sono le principali pietre curative nella cristalloterapia

Dopo aver parlato brevemente di ciò che si nasconde dietro il mondo della cristalloterapia, vi proponiamo un breve elenco delle pietre curative più popolari, da conservare come veri e propri amuleti di guarigione per le varie fasi della nostra vita.

1) Quarzo Rosa, l’insegnante d’amore

Il quarzo rosa ha un’energia delicata. È un guaritore disturbi del cuore sia fisici che emotivi. Il quarzo rosa è un regalo giusto da offrire a qualcuno che desideri imparare l’amore di sé. Non si può, infatti, chiedere un insegnante più amorevole.

2) Cristalli di fluorite, uno scudo protettivo

La Fluorite si presenta con una enorme varietà di colori ed è una pietra utile per proteggersi contro gli influssi delle energie negative. Fondamentalmente, la pietra assorbe qualsiasi negatività ma è importante pulirla almeno una volta alla settimana quando la si utilizza come assistente protettivo.

3) Lapislazzuli, la pietra che risolve i misteri

Energia egizia, il lapislazzuli è una pietra a cui si attribuisce la capacità di sbloccare i misteri perché aiuta a muoversi attraverso confusione e blocchi emotivi e scavare attraverso la nebbia che avvolge i problemi.

4) Ematite, il cristallo che ci tiene ancorati al suolo

L’ematite è una pietra collegata alla terra. Questa pietra preziosa di colore grigio-argento è spesso utilizzata come mezzo per aiutare coloro che tendono ad evitare attività o eventi mondani con un volo fuori dal corpo. Se so di dover affrontare una situazione difficile come un colloquio di lavoro, un funerale o una convocazione in tribunale, mi metterò in tasca questa pietra: l’ematite mi aiuterà a stare comodo nel mio corpo quando invece preferirei scappare.

5) Giada, la pietra della serenità

La giada insegna l’accettazione, porta serenità e calma le energie. È una pietra che aiuta le persone a essere meno critiche verso se stesse e gli altri.

6) Ametista, un cristallo altamente spirituale

Questa pietra è dotata di un’elevata spiritualità, è associata alla coscienza di Cristo e alla fiamma viola della trasmutazione. L’ametista aiuta a sintonizzarsi su una maggiore consapevolezza delle proprie conoscenze.

7) Turchese, la gemma che aiuta la meditazione

La pietra turchese è un aiutante del più alto ordine e non stupisce che fosse una pietra spirituale venerata dai nativi americani. Questa pietra può essere usata per aiutare a imparare lezioni spirituali attraverso la meditazione o le visioni da sogno.

8) La cianite elimina le barriere comunicative

La cianite funziona meglio se indossata vicino al chakra della gola. Questo cristallo blu aiuta, infatti, a facilitare il canale e apre i centri di comunicazione per consentire il contatto con le guide e gli angeli. La cianite è probabilmente meglio conosciuta per le sue proprietà di bilanciamento che allineano i chakra e non c’è bisogno di pulirla perché si libera automaticamente di energie negative.

9) Ossidiana, una pietra per la chiarezza

Tutte le varietà di ossidiana sono utilizzate bene come agenti protettivi. L’ossidiana fiocco di neve in particolare ci aiuta a cedere o a lasciare andare le abitudini negative o i percorsi passati che non servono più alla nostra condizione attuale. La sua azione può creare opportunità di cambiamento, serenità e chiarezza.

10) Citrina, cristallo energizzante

La citrina è una pietra dal lucente colore giallo, da portare sempre con sé. Essa aiuta a manifestare i propri obiettivi ed è un cristallo energizzante in grado di portare positive energie solari. Attrae abbondanza e potere personale. Energetico, è paragonabile al topazio giallo.



11) Diamante, la pietra della sicurezza

Il diamante è una delle pietre più preziose esistenti in commercio. A questo splendido cristallo vengono attribuite anche diverse proprietà cristalloterapiche: esso contribuisce a sviluppare una chiara comprensione della propria situazione esistenziale, aiuta ad affrontare le prove della vita e a migliorare il proprio carattere, incoraggia la libertà di pensiero e spinge a rispettare se stessi. Inoltre rafforza il senso etico ed il desiderio di giustizia e aiuta a superare la paura, la depressione ed il senso di vuoto.

12) Acquamarina, un aiuto spirituale per la saggezza e la creatività

L’acquamarina apre la coscienza a quell’oceano interiore fatto di conoscenza, saggezza e creatività. La sua energia porta luce sulle cause nascoste delle proprie condizioni fisiche ed emotive, in modo da poter padroneggiare meglio le lezioni della vita. Il colore azzurro dell’acquamarina rilassa profondamente il corpo e la mente e aiuta a lasciarsi andare alla verità. Come fonte di nutrimento spirituale, fornisce energia giovanile e illumina l’aura in quanto porta liquidità a tutti gli aspetti del tuo essere.

Dove avvolgere le pietre curative

La scelta del tipo di metallo per avvolgere le pietre curative o come base per anelli, ciondoli e spille è molto importante. L’argento, per esempio, tende a migliorare o ampliare le proprietà delle pietre preziose. L’oro dà l’effetto opposto. Se si è estremamente sensibili alle energie delle pietre, l’oro però è una buona scelta perché ridurrà l’impulso vibrazionale della pietra in modo che gli effetti curativi siano leggeri e offrendo all’utilizzatore una transizione più comoda da squilibrio all’equilibrio.

 

Ti piace NaturLove? Rimani aggiornato seguendoci sulle nostre pagine!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*