Pressione bassa: rimedi naturali per un problema molto comune

pressione bassa rimedi naturali

Di solito quando sentiamo parlare di problemi legati alla pressione sanguigna, viene additata come un pericoloso campanello d’allarme l’ipertensione, ossia la “pressione alta”. In realtà è altrettanto importante osservare ciò che accade nel caso opposto, quello dell’ipotensione o “pressione bassa”, una condizione che, protratta nel tempo, può dare vita a diverse problematiche. Vediamo allora di capire cosa si intende in questi casi e di approfondire quelli che possono essere per la pressione bassa rimedi naturali efficaci e sicuri.

Se stai cercando informazioni utili su questo argomento, puoi inoltre scoprire gli altri rimedi per la pressione bassa indicati dal sito inversaonlus.it.



Pressione bassa o alta? Quali sono i valori corretti

Prima di entrare nel dettaglio di quelli che sono per la pressione bassa rimedi naturali davvero efficaci, è opportuno spiegare brevemente a cosa ci si riferisce quando si parla di pressione del sangue.

Sarà capitato a tutti di rivolgersi al proprio medico o di utilizzare un misuratore domestico per misurare la propria pressione: come visto, i valori indicati sono due, uno per la pressione sistolica (massima) e l’altro per la pressione diastolica (minima).

La pressione sistolica corrisponde alla fase di pompaggio del sangue nelle arterie da parte del cuore; la diastolica, invece, corrisponde al momento di rilassamento del cuore. È possibile leggere questi valori seguendo il presente schema:

Valore pressione sistolica/diastolica

< 50/33 mmHg Pressione bassa pericolosa

< 60/40 mmHg Pressione troppo bassa

< 90/60 mmHg Pressione bassa

< 115/75 mmHG Pressiose arteriosa ottimale

< 130/85 mmHg Pressione arteriosa accettabile

130-139/85-89 mmHg Pre-ipertensione

140-159/90-99 mmHg Ipertensione di stadio 1

> 160/100 mmHg Ipertensione di stadio 2

> 180/110 mmHg Ipertensione di stadio 3

Pressione bassa: sintomi e rischi

Quando la pressione sanguigna scende al di sotto di certi livelli, il flusso sanguigno verso il cuore, il cervello e gli altri organi vitali può essere inadeguato, ecco perché il primo sintomo riscontrabile in questi casi è un diffuso senso di debolezza, vertigini e giramento di testa.

In linea di massima, possiamo considerare come principali sintomi di pressione bassa:

  • sensazione di svenire;
  • fatica;
  • senso di spossatezza e vertigini;
  • sensazione di svenimento e debolezza quando ci si alza troppo velocemente da una posizione sdraiata o seduta;
  • giramenti di testa appena ci si alza dal letto;
  • visione sfocata;
  • nausea;
  • pelle umida;
  • ronzio alle orecchie;
  • tremore alle mani;
  • sonnolenza;
  • perdita di conoscenza.

In genere questi sintomi sono passeggeri e possono essere placati distendendosi per pochi minuti con le gambe alzate, ma se riscontrati frequentemente è bene rivolgersi al medico per valutarne le cause e monitorare in maniera assidua la pressione.

Se i rischi di una pressione troppo alta sono ben noti e conclamati, in realtà anche la pressione bassa può creare problemi gravi se non si adottano le dovute misure: un’ipotensione grave, infatti, può portare a un calo dell’ossigeno a livello del cuore o del cervello, con rischi di improvvisi shock, cadute e incidenti.

>>> Leggi anche: Sentirsi sempre stanchi e mancanza di forze: ecco 7 rimedi naturali

Possibili cause della pressione bassa

La pressione bassa può essere una condizione congenita che, se mantenuta entro certi livelli, può non destare particolari preoccupazioni. Esistono tuttavia cause specifiche che possono portare a improvvisi cali di pressione, come:

  • caldo eccessivo, che dilata i vasi sanguigni riducendo la pressione;
  • pasti troppo abbondanti, che spingono il cuore a pompare più sangue verso lo stomaco;
  • cali di zuccheri;
  • assunzione di farmaci che possono avere i cali di pressione come effetto collaterale;
  • repentini cambi di posizione, in particolare se ci si alza bruscamente dal letto o da una posizione seduta;
  • stress emotivo, che può stimolare il nervo vago e provocare un’eccessiva dilatazione arteriosa.

Pressione bassa: rimedi naturali per controllarla

I consigli per tenere sotto controllo una condizione di pressione arteriosa bassa sono in linea di massima correlati ai più comuni suggerimenti per una vita sana. Ecco alcuni dei rimedi naturali per la pressione bassa più efficaci:

Mangiare spesso e in piccole porzioni

Mangiare più volte al giorno e nelle porzioni giuste, anziché affaticare l’organismo con pochi e abbondanti pasti, aiuta a prevenire l’improvviso calo della pressione sanguigna. L’ideale sarebbe fare cinque piccoli pasti al giorno per mantenere una condizione ottimale.

Utilizzare le giuste dosi di sale

Se l’eccesso di sale è considerato pericoloso poiché visto come una delle cause primarie di ipertensione, per chi soffre di pressione bassa è invece importante non rinunciarvi. Secondo l’OMS, la dieta quotidiana deve contenere un cucchiaino di sale aggiunto alle normali porzioni di frutta e verdura. In particolare in estate, quando si fa sport e in tutte le altre occasioni in cui si suda molto, è importante reintegrare il sale per non incorrere in bruschi abbassamenti della pressione.

Bere molta acqua ricca di sali

Per gli stessi motivi visti sopra, bere 2-3 litri di acqua al giorno è considerato per la pressione bassa uno dei principali rimedi naturali. Per chi soffre di ipotensione, è consigliabile preferire acque ricche di sali minerali, che permettono di mantenere buoni livelli pressori. Un’ottima alternativa sono anche i succhi naturali e gli estratti di frutta, ricchi peraltro di sostanze utili come vitamine e antiossidanti.

Utilizzare rimedi fitoterapici

Tra i rimedi naturali per la pressione bassa è possibile ricordare anche alcuni rimedi fitoterapici, che sfruttano le proprietà delle piante per migliorare lo stato di salute dell’organismo. Le foglie di tulsi, per esempio, masticate al risveglio permettono di favorire una pressione arteriosa ottimale, grazie alle elevate quantità di potassio, magnesio, vitamine e di euganolo, un antiossidante che abbassa i livelli di colesterolo.

Altrettanto efficaci possono essere gli infusi di liquirizia e rosmarino: quest’ultimo, per esempio, è in grado di stimolare il sistema nervoso centrale e migliorare la circolazione sanguigna, con evidenti benefici anche sulla pressione bassa.

>>> Leggi anche: Effetti della liquirizia sulla pressione e benefici per l’organismo





Ti piace NaturLove? Rimani aggiornato seguendoci sulle nostre pagine!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*