Rimedi naturali per digerire contro mal di stomaco e indigestione

rimedi naturali per digerire

Quante volte ci è capitato, dopo un pasto ipercalorico per esempio, di avere problemi di stomaco? Ecco allora alcuni rimedi naturali per digerire, in grado di aiutarci a sentirci subito più leggeri, dagli alimenti da evitare, alle tisane da gustare contro l’indigestione. In ultimo, pratiche sane e salutari per l’organismo, come una leggerissima attività fisica dopo i pasti e le posizioni Yoga che influiscono sui meridiani che coinvolgono la digestione.

>>> Se ti piace NaturLove, iscriviti anche al gruppo Facebook dedicato ai contenuti esclusivi e alle migliori offerte di prodotti naturali sul web! <<<




Cattiva digestione: quali sono le cause?

Il cosiddetto “peso sullo stomaco”, derivato per lo più da una difficoltà a digerire, può avere diverse cause, alcune delle quali inerenti a situazioni patologiche il cui trattamento è da riferire inequivocabilmente al proprio medico di base o a uno specialista. Se la digestione è lenta o difficoltosa, in effetti, potrebbero esserci cause organiche, connesse, per esempio, a problemi a danno dello stomaco o dell’apparato digerente, come gastriti e duodeniti, o anche funzionali, connesse a ulcere o a infiammazioni più o meno gravi. Non ultime, poi, possono esserci cause psicosomatiche, come stati di stress e di ansia che vanno a incidere sul corretto funzionamento del nostro organismo. Infine, non dobbiamo dimenticare che tra i motivi alla base di una cattiva digestione possono esserci abitudini sbagliate e sedentarietà, ancora di più se associate a una alimentazione squilibrata, ricca di grassi e di pietanze ipercaloriche. Come si combattono le difficoltà digestive? Vediamo, in particolare, i rimedi naturali che possono alleviare questo stato di malessere.

Rimedi naturali per digerire: quali scegliere

Come ricordiamo spesso, a fronte di difficoltà di digestione frequenti, accompagnate da sintomi come acidità di stomaco, problemi intestinali, mal di testa e, nei casi più insopportabili, nausea intensa e vomito, la regola è quella di consultare un medico specializzato e non curarsi ricorrendo al fai-da-te. Esistono, però, alcuni metodi naturali, anche chiamati “rimedi della nonna”, capaci di dare sollievo a problematiche non di natura patologica? La risposta è affermativa e da ricercare sia in abitudini salutari, sia in “strumenti particolari” sia, come sempre, nella natura. Ecco i principali rimedi naturali per digerire:

1) Borsa dell’acqua calda e cuscino con noccioli di ciliegio

Quando avvertiamo mal di stomaco dato da una digestione laboriosa, spesso conseguente a pasti davvero troppo pesanti, questo è uno dei primi rimedi naturali per digerire che ci vengono in mente. Appoggiare la borsa dell’acqua calda sul ventre stressato da malessere è uno dei toccasana più antichi e che spesso dà sollievo in poco tempo. La variante del cuscino? È sempre più diffusa, vista l’ormai ecumenica conoscenza di questi piccoli sacchi contenenti noccioli di ciliegio: basterà riporli sul termosifone o addirittura nel forno (anche in quello a microonde) e saranno subito pronti per l’utilizzo.

2) Bevande e tisane calde

Rimanendo in tema di tiepide carezze salutari, è bene ricordare che un altro dei metodi naturali più utilizzato per digerire meglio è il canarino, ovvero una bevanda che si ricava da una veloce bollitura della buccia del limone. Anche tè e tisane sono molto gettonate: tra le tante, ricordiamo quella al finocchio, alla camomilla e salvia, all’ortica e allo zenzero, uno dei rimedi naturali più impiegato grazie alle sue numerosissime proprietà antinfiammatorie e antibiotiche.

>> Leggi anche: Tisana dimagrante allo zenzero, per perdere peso naturalmente

Cardo mariano

3) Rimedi fitoterapici

Anche il ricorso a rimedi fitoterapici può essere di grande aiuto per favorire la digestione e il transito intestinale. Sono diverse le piante che possono aiutarci in tal senso, dal finocchio all’anice, al cardo mariano. Proprio il cardo mariano risulta essere uno dei rimedi naturali per digerire più antichi: ricca di antiossidanti, infatti, questa pianta è particolarmente efficace per la digestione, la diuresi e la depurazione dell’organismo.

Per facilitare la digestione e la depurazione dell’organismo, puoi per esempio provare l’ottima soluzione in capsule a base di Cardo Mariano proposta dal nostro partner Anastore, cliccando sul link qui accanto.

4) Bicarbonato

Se ti stai chiedendo cosa prendere per digerire, il bicarbonato può essere una soluzione rapida e semplice. Diluito in piccole dosi in acqua, può essere usato per sollecitare la digestione: questo particolare tipo di sale ha la caratteristica di reagire a contatto con sostanze acide, come i nostri succhi gastrici, e per questo spesso sintetizzato in farmaci, appunto, antiacido. L’uso del bicarbonato per digerire è uno dei rimedi più comuni. È bene, però, non eccedere con la somministrazione e il fai-da-te: è consigliabile, infatti, consultare il proprio medico riguardo le eventuali quantità da assumere.

5) Alimentazione equilibrata

Se in alcuni periodi, come per esempio quelli che vedono i pranzi e le cene delle festività come protagonisti, vi sentite particolarmente affaticati, cercate di propendere per cibi poco raffinati e ipocalorici. Le pietanze molto condite, che prevedono lunghe lavorazioni e cotture, in effetti, non sono l’ideale per aiutare il nostro stomaco a digerire, quindi meglio consumare verdura cruda come finocchio e sedano, evitare spezie piccanti e manicaretti che prevedano l’impiego di zuccheri semplici e grassi saturi, così come i cibi ricchi di proteine come la carne rossa, di più difficile digestione rispetto a quella bianca. Intingoli e salse? Sarebbe meglio eliminarli e preferire olio EVO e succo di limone. Insomma, una dieta detox sarebbe l’ideale!

Scegli l’efficacia di un Trattamento Probiotico in capsule per riportare la tua digestione a livelli ottimali: clicca qui per acquistare

6) Attività fisica e Yoga

Ecco un’altra regola che non può mancare nella lista dei rimedi di chi soffre di indigestione: dopo un pasto, soprattutto se pesante, meglio non optare per attività troppo sedentarie, così come è preferibile non coricarsi immediatamente. Una leggerissima attività fisica, come una rilassante passeggiata all’aperto, sarebbe l’ideale per favorire una buona digestione, così come praticare Yoga. Le celebri posizioni del Loto e del gatto sono molto adeguate, anche se quelle che prevedono la stimolazione dei meridiani afferenti all’apparato digerente sono “il pesce” e “il fulmine”. La prima si attua partendo da supini, per poi inarcare la schiena in appoggio sugli avambracci, con i palmi della mani che vanno a posizionarsi sotto i glutei. La posizione Yoga del fulmine, invece, prevede, nella versione più semplice, di rimanere semplicemente in ginocchio, con i glutei in appoggio sui talloni. Chi, invece, è più esperto e non riporta problemi alle articolazioni, potrà implementare l’asana con la leggera apertura delle ginocchia, mentre il busto può inclinarsi in avanti o all’indietro, stendendo completamente la schiena sul pavimento.

>> Leggi anche: A cosa serve lo Yoga: i benefici fisici e psicologici

 

A cura di Elisabetta Falcioni

>>> Se ti piace NaturLove, iscriviti anche al gruppo Facebook dedicato ai contenuti esclusivi e alle migliori offerte di prodotti naturali sul web! <<<





Ti piace NaturLove? Rimani aggiornato seguendoci sulle nostre pagine!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*